Questo è lo spazio che contiene le risorse dedicate ai servizi per gli studenti che sono tenuto a erogare, nell'ambito dei miei insegnamenti o degli altri compiti istituzionali del docente o degli incarichi che il Direttore del Dipartimento ha inteso conferirmi, Per alcuni studenti (in particolare quelli di EPC che debbono svolgere le attività di Tirocinio II anno e Tirocinio III anno) esistono spazi appositi, dove troveranno replicate e adattate le risorse e gli strumenti che sono qui. 

Questo spazio è, al momento della prima pubblicazione, ancora in via di realizzazione. I servizi che vi saranno racchiusi e svolti attraverso le risorse e gli strumenti che vi si troveranno sono: 

  1. orientamento allo studio delle discipline pedagogiche e alla preparazione alle professioni educative e formative (tipicamente rivolto a coloro che si avviano, durante il primo anno, e incominciano a studiare Pedagogia generale, ma anche a coloro che, avviandosi allo studio di una particolare disciplina pedagogica, sentissero il bisogno di un tale orientamento generale)
  2. orientamento per la definizione del piano degli studi
  3. orientamento per la scelta del tirocinio e supporto al suo svolgimento
  4. orientamento per la scelta e la definizione della tesi di laurea e supporto alla sua elaborazione e stesura

Chi si avvale di questi servizi, o perché obbligato dal proprio piano degli studi o perché sceglie liberamente, deve rispettare alcune procedure (elencate in queste pagine iniziali) e, soprattutto, conoscere le ragioni e gli intenti metodologici che vi sono sottesi.
Ne riepiloghiamo  qui i principali, riservando il necessario approfondimento a un'apposita sezione di questo spazio.

Ragioni e intenti metodologici

Gli studenti universitari nel loro percorso di studio si impegnano in un'attività di progressiva costruzione di una carriera accademica e professionale, che è un tentativo di migliorare se stessi e di dare un contributo consapevole e fattivo al miglioramento dei gruppi in cui vivono e della società che li include, con le sue articolazioni e le sue istituzioni.

Con ogni evidenza, essi sono protagonisti di un percorso di miglioramento, che si articola e si sviluppa peraltro in tempi medio-lunghi, rispetto al quale l'università è l'istituzione di riferimento, chiamata a offrire orientamento, supporto e insegnamenti generali e scientifico-disciplinari.

Per un pedagogista queste banali coordinate di riferimento istituzionali rappresentano una sfida profonda e non aggirabile. Tutto ciò che si professa circa i principi, i processi, i dispositivi, le istituzioni e i sistemi educativi e formativi deve essere attuato e praticato nella gestione delle proprie attività istituzionali. Ogni compromesso, ogni violazione di regole e principi professati viene percepita dagli studenti, e deve esser percepita da noi stessi, come una smentita patente di ciò che si professa come membri della nostra comunità scientifico-disciplinare.

Sia lo svolgimento delle attività di apprendimento e di studio per la preparazione degli esami sia i momenti legati alle scansioni più ampie della carriera accademica (piano degli studi, tirocinio e tesi di laurea), che rappresentano momenti di scelta e di svolta nel percorso di studio degli studenti universitari, sono quindi una sfida pedagogica e didattica che deve essere colta e affrontata con coraggio e razionalità. Il contributo dei docenti di discipline pedagogiche, in questo caso, è una sorta di sperimentazione permanente, che aiuta, stimola e indirizza il perfezionamento individuale culturale e scientifico degli studenti perfezionando i dispositivi di orientamento, supporto e insegnamento.

Questo è lo spirito di questo nostro spazio di lavoro.

La consulenza per lo studio individuale per l'esame, l'orientamento per la definizione del piano degli studi, la scelta della o delle strutture dove svolgere il tirocinio, la progettazione del lavoro di tesi e il supporto allo svolgimento delle attività connesse e all'elaborazione dei prodotti che ne scaturiscono sono oggetto di una serie di interventi e diispositivi che troverete qui.

Tutto ciò fa parte di un più ampio quadro di interventi e dispositivi di sostegno e supporto al miglioramento individuale e collettivo che si chiama "Laboratorio di Minerva", al quale il sottoscritto aderisce assieme ad altri colleghi di questa università, dell'Università di Parma e all'Editoriale Anicia.